Caccia molecolare al brusone ed ogm - Ente Nazionale Risi

archivio notizie - Ente Nazionale Risi

Caccia molecolare al brusone ed ogm

 

La biologia molecolare può aiutare il risicoltore e tutelare il consumatore: il laboratorio di biologia molecolare dell’Ente Nazionale Risi, creato nel 2006 presso il Centro Ricerche sul Riso di Castello d'Agogna, ha l'obiettivo di effettuare la Selezione Assistita con i marcatori Molecolari (SAM) che serve a supportare i programmi di breeding tradizionale, ma anche di rilevare eventuali contaminazioni da OGM attraverso analisi molecolari mirate.

Ne parla in una recente intervista (scarica l'articolo completo) la dottoressa Lætitia Borgo, responsabile del laboratorio di biologia molecolare presso il Centro Ricerche sul Riso dell'Ente Nazionale Risi.

Una delle attività principali - racconta – è finalizzata alla costituzione di varietà di riso resistenti al patogeno fungino Pyricularia grisea, di varietà aromatiche e di varietà con un determinato contenuto in amilosio. Inoltre, il laboratorio lavora per rintracciare eventuali presenze di OGM, sia su campioni consegnati da clienti esterni che sulle proprie sementi, di cui garantisce la purezza da semi geneticamente modificati.

"Nel riso, le malattie fungine più frequenti sono l’elmintosporiosi, la fusariosi, il marciume del colletto e dello stelo, il falso carbone ed il brusone. L'Ente - spiega la ricercatrice - ha deciso di focalizzare l’attenzione, mediante la SAM, sulla costituzione di varietà resistenti al brusone, in quanto la malattia causata dall’agente patogeno Pyricularia grisea induce elevate perdite di produzione. Presso il laboratorio di biologia molecolare del Centro Ricerche sul Riso dell’Ente Nazionale Risi sono stati messi a punto dei protocolli per rilevare la presenza dei geni di resistenza Pi-ta, Pi-b, Pi-z e Pi-kh con la finalità di effettuare Selezione Assistita con i marcatori Molecolari (SAM)". Questo consente di definire programmi di breeding mirati, finalizzati alla costituzione di varietà che possiedono uno o più geni di resistenza a Pyricularia grisea (gene pyramiding).

"In effetti, l’inserimento, mediante incroci, di uno o più geni Pi (gene pyramiding) consente l’ottenimento di varietà con resistenza ad ampio spettro al patogeno, evitando i trattamenti fungicidi. La Selezione Assistita con i marcatori Molecolari ha permesso ad Ente Nazionale Risi di costituire le varietà Libero nel 2006, CL26 e CL71 nel 2011, CL12, CL46 e CL80 nel 2012, CL15 nel 2015, CL28 e CL33 nel 2017 che possiedono il gene di resistenza Pi-kh e la varietà CL31 nel 2016 che possiede i geni di resistenza Pi-kh e Pi-ta", spiega la dottoressa Borgo.

Pubblicato il 
Aggiornato il